sabato, Luglio 20, 2024
spot_img
HomeCronacaCerra a Longo e Spirlì: “Fate chiarezza sui vaccini. Ad esempio che...

Cerra a Longo e Spirlì: “Fate chiarezza sui vaccini. Ad esempio che fine hanno fatto?”

“Fate chiarezza sui vaccini. Ad esempio che fine hanno fatto?”

Il segretario Regionale FIMMG, Rosalbino Cerra, richiama il Commissario Longo ed il presidente Spirlì ad assicurare ai calabresi, chiarezza nella gestione delle dosi di vaccino anti-Covid, nel sistema di prenotazione ed efficienza nell’organizzazione dei centri vaccinali. L’impegno dei Medici di Medicina Generale per la vaccinazione degli over 80, non basta se manca un’adeguata organizzazione e se le dosi di vaccino sono centellinate.

La FIMMG, cosciente della grave situazione Calabrese sulle vaccinazioni, dopo aver più volte chiesto chiarimenti e interventi al commissario dott. Longo e al presidente Spirlì senza alcuna risposta, chiede ancora una volta di spiegare ai calabresi:

  1. per quali motivi reali dei 130.778 cittadini over 80, ne sono stati vaccinati solo 34.305?
  2. Perché, nonostante i medici di famiglia abbiano somministrato il 100% delle dosi consegnate, la Regione Calabria si trova con uno scarso 72% di utilizzo che la pone penultima in Italia?
  3. Perché ci consegnano così poche dosi per i nostri pazienti Over 80?
  4. Inoltre, per quali motivi non si dispone di tutte le dosi “teoricamente” disponibili, e se non disponibili, chi le ha utilizzate e quali cittadini sono stati vaccinati?
  5. Quali motivazioni hanno determinato la temporanea sospensione delle vaccinazioni in alcuni centri vaccinali dell’ASP di Cosenza, venerdì 5 Marzo, creando gravi disagi ai pazienti anziani già prenotati, in fila e non vaccinati?
  6. Cosa propongono il dott. Longo e il presidente Spirlì, per correggere la continua disorganizzazione nei centri vaccinali? (moduli di consenso informato non idonei ai vaccini utilizzati, centri vaccinali chiusi negli orari concordati e medici di famiglia fuori, in attesa di apertura. Medici di medicina generale presenti come concordato nei centri vaccinali, ma senza Box idonei alla vaccinazione, sottoutilizzo del personale medico presente ect…)
  7. Quali i motivi della disinformazione per le prenotazioni dei pazienti estremamente fragili? Pazienti invitati dai servizi ASP a contattare direttamente i medici curanti, con conseguenti, decine e decine di telefonate ai medici di medicina generale, che hanno bloccato di fatto, le attività ambulatoriali, e disorientato i cittadini con informazioni approssimative?
  8. Per quali motivi invece, altri cittadini sono stati prenotati dalle ASP sulla base di tabelle non corrispondenti a quelle ufficiali del Ministero e per patologie non gravi?

Esimio dott. Longo e presidente Spirlì, in questo momento i Calabresi hanno bisogno di fatti concreti, non di polemiche né di dichiarazioni fatte nel tentativo di trovare colpevoli a quella che, ad oggi, sotto gli occhi di tutti, risulta essere una organizzazione della campagna vaccinale, approssimativa e confusionaria. Questa organizzazione sindacale, pur ritenendo strategica la partecipazione della Medicina Generale alla campagna vaccinale, obbligo morale in un contesto di grande difficoltà per il nostro paese, ritiene indispensabile che si faccia chiarezza sulla gestione delle dosi e sul loro utilizzo e condiziona la sua disponibilità alla corretta collaborazione delle Aziende Sanitarie, al momento purtroppo in molti casi latitante. E’ bene che i cittadini calabresi sappiano, che i pochi centri vaccinali disponibili, lo sono grazie alla collaborazione dei sindaci, che colgo l’occasione per ringraziare per la loro costante disponibilità.

Dott. Rosalbino Cerra

Segretario Generale Fimmg Calabria

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments