sabato, Luglio 20, 2024
spot_img
HomeCronacaRitardi vaccini, mobilitazione di La Calabria vista dalle donne

Ritardi vaccini, mobilitazione di La Calabria vista dalle donne

Ritardi vaccini, mobilitazione di La Calabria vista dalle donne

Abbiamo intrapreso una battaglia di sollecitazione e denuncia sulla mancata attuazione del piano vaccinale nella nostra regione. Ritardi e inefficienze non sono più tollerabili perché a pagarne le spese sono le fasce più deboli della popolazione che, ancora ad oggi, risulta vaccinata in maniera frammentaria e parziale con grave danno per tutti noi.

Per questa ragione, a partire da oggi alle ore 12 abbiamo deciso di realizzare un’azione di “mail bombing” sperando di stimolare l’attenzione del ministro Speranza affinchè adotti nel minor tempo possibile ogni azione necessaria a garantire la tutela del primario diritto alla salute.

Dalle ore 12,00 di oggi 24 marzo 2021, copia e invia al seguente indirizzo:

segreteriaministro@sanita.it

Oggetto: Emergenza sanitaria Calabria

Gentile Ministro Speranza,

la situazione sanitaria calabrese è vicina al punto di non ritorno e si qualifica sempre più per caratteristiche negative:

campagna vaccinale, in ritardo su tutti gli obiettivi fissati;

sistema di tracciamento e confinamento del contagio, inefficace;

sistema di assistenza e monitoraggio domiciliare dei contagiati, largamente inadeguato;

accesso alle informazioni di pubblica utilità, negato ai più,

caduta verticale delle prestazioni sanitarie extra-covid e della prevenzione.

Insomma un quadro nefasto non più tollerabile e al quale le strutture commissariali e la amministrazione regionale non mostrano di saper opporre una qualche inversione di tendenza.

NON SI PUÒ PIÙ ANDARE AVANTI COSÌ

www_lacalabriavistadalledonne chiama alla mobilitazione attraverso questo appello perché questa regione non può essere lasciata a sé stessa, né tantomeno confinata nello stereotipo della terra senza speranza che rende vana ogni azione.

Per questo riteniamo urgente e inderogabile un intervento centrale che ristabilisca senza ulteriori tentennamenti le condizioni di diritto alla salute per tutte e tutti le donne e tutti gli uomini di Calabria.

Signor Ministro, ascolti questo grido e convochi immediatamente un tavolo con tutti i soggetti istituzionali e delle associazioni.

LA CALABRIA NON PUÒ ASPETTARE ANCORA

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments