lunedì, Luglio 22, 2024
spot_img
HomeCalabriaCosenzaSversamento di liquami vicino al deposito Amaco: il Consorzio Valle Crati invia...

Sversamento di liquami vicino al deposito Amaco: il Consorzio Valle Crati invia gli atti in Procura

Il Consorzio Valle Crati monitora costantemente gli scarichi inquinanti nell’area urbana della Valle del Crati e nelle zone di Cosenza, Rende e Montalto Uffugo. Una campagna di controllo periodica per individuare abusi e irregolarità negli scarichi in pubblica fognatura, effettuati dal Concessionario società Kratos s.c.a r.l. su incarico del Consorzio Valle Crati.

Il Consorzio, attraverso una nota della società Kratos s.c.a r.l. del 14/07/2023, ha rilevato una fuoriuscita di liquami nei pressi del deposito AMACO nel territorio del Comune di Cosenza, con coordinate 39°19’47.0”N 16°15’15.0”E. Si presume che tale sversamento avvenga attraverso un pozzetto destinato all’acqua bianca.

Il Consorzio Valle Crati ha avviato indagini per risolvere il problema, ma il comune di Cosenza attraverso il dirigente e il responsabile della manutenzione ingegnere Santo Venneri non sono stati in grado di fornire una mappatura degli scarichi della zona  interessata né ha segnalato tale sversamento all’atto della consegna.

Inviati tutti gli atti in Procura

Il Consorzio Valle Crati ha prontamente inviato una segnalazione al Procuratore della Repubblica di Cosenza per gli adempimenti di competenza, al fine di collaborare con l’autorità giudiziaria.

Il presidente del Consorzio Valle Crati, Avv. Maximiliano Granata, ha dichiarato che la collaborazione con l’autorità giudiziaria è fondamentale per risolvere questa problematica.

Il presidente Granata ha sottolineato l’importanza di individuare i responsabili di questo sversamento e di adottare provvedimenti efficaci per prevenire futuri episodi simili. Inoltre, ha ribadito l’impegno del Consorzio Valle Crati nel monitorare costantemente gli scarichi inquinanti e nel tutelare l’ambiente e la salute dei cittadini.

L’episodio dello sversamento di liquami vicino al deposito AMACO è solo l’ultimo di una serie di situazioni preoccupanti segnalate dal Consorzio Valle Crati. Recentemente, sono state rilevate diverse violazioni delle normative ambientali da parte di alcune aziende presenti nell’area della Valle del Crati. Queste violazioni riguardano principalmente gli scarichi inquinanti nei corpi idrici e negli impianti di depurazione.

Il Consorzio Valle Crati intensifica i controlli per contrastare l’inquinamento

Nell’ottica di una maggiore trasparenza e collaborazione, il Consorzio ha deciso di inviare periodicamente gli atti relativi alle violazioni ambientali alla Procura, al fine di consentire un’azione più tempestiva e incisiva da parte delle autorità competenti.

Inoltre, il Consorzio Valle Crati si impegna a sensibilizzare la comunità locale sull’importanza di un corretto smaltimento dei rifiuti e di una gestione responsabile delle risorse idriche. Saranno promossi incontri pubblici, campagne di informazione e attività di educazione ambientale al fine di coinvolgere attivamente i cittadini nella tutela dell’ambiente e nella prevenzione dell’inquinamento.

Il presidente Maximiliano Granata ha infine sottolineato che il Consorzio Valle Crati continuerà a vigilare sul territorio e a collaborare con tutte le istituzioni coinvolte per garantire una gestione sostenibile delle risorse naturali e la salvaguardia dell’ecosistema della Valle del Crati. Solo attraverso un impegno congiunto sarà possibile contrastare efficacemente l’inquinamento e garantire un futuro migliore per le generazioni a venire.

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments