lunedì, Luglio 22, 2024
spot_img
HomeCalabriaCosenzaA Cosenza, “Il carcere spiegato agli studenti”: tavola rotonda sulla legalità

A Cosenza, “Il carcere spiegato agli studenti”: tavola rotonda sulla legalità

legalitàNell’Aula Magna “A. Di Iuri” del Polo Tecnico Scientifico “Brutium” di Cosenza, nell’ambito del progetto “chi apre la porta di una scuola, chiude una prigione” di Annamaria Verre, giurista e mediatrice penale, si è aperta la tavola rotonda sulla legalità: “il carcere spiegato agli studenti”.

Si continua il percorso sulla promozione della “legalità”. Le studentesse e gli studenti del Polo Tecnico Scientifico “Brutium” hanno incontrato “Istituzioni e Toghe” al fine di riflettere e dialogare su una tematica, importante e complessa, imperniata sul binomio “carcere- scuola”.

I lavori sono stati introdotti, dinanzi a una numerosa platea di giovani attenti e partecipi – la quale a conclusione degli interventi, ha posto riflessioni e domande ai relatori, riportando, fra l’altro, vicende di vita reale – dal Dirigente Scolastico dell’Istituto “Brutium” Rosita Paradiso; dal Comandante di Compagnia CC di Rende Mariachiara Soldano; dal Dirigente Scolastico CPIA “Valeria Solesin” di Cosenza Clementina Iannuzzi; dalla Presidente Comitato provinciale per l’UNICEF di Cosenza Monica Perri; dal Presidente del Club per l’UNESCO di Cosenza Enrico Marchianò.

Al tavolo la partecipazione di relatori autorevoli quali Luca Muglia Garante Regionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale; Chiara Penna Presidente Commissione “Legalità” del Comune di Cosenza e Responsabile Osservatorio “Carcere” CP di Cosenza; Roberto Le Pera Presidente della Camera Penale di Cosenza “avv. Fausto Gullo”. L’incontro è stato moderato da Annamaria Verre.

Le studentesse e gli studenti hanno avuto modo di assistere- in forma di dialogo dal titolo “Non ne vale la pena”- a un intenso momento di riflessione condotto dal regista dott. Adolfo Adamo con Francesco Mango. Una conversazione significativa nella quale Francesco Mango si è aperto agli studenti raccontando la sua esperienza di vita e il suo incontro con il teatro.

Dopo aver scontato una lunga pena, ora da persona libera, Mango invita la numerosa platea di ragazzi a studiare e a riflettere sulla scelta delle proprie azioni “prima”, come lo stesso Mango più volte ha sottolineato “che sia troppo tardi”. Di seguito, la Professoressa Pileria Pellegrino ha dato voce alle poesie elaborate dagli studenti della Sezione Carceraria dell’IIS “Cosentino Todaro” di Cosenza. La Professoressa ha evidenziato come l’arte della poesia, nel contesto carcerario, può diventare uno strumento per rielaborare la sofferenza, per comprendere l’importanza della vita e della libertà, per imparare a sognare e a conoscere la parola “speranza”.

A conclusione si è svolta la Cerimonia di consegna della “Carta Costituzionale” ai rappresentanti di tutte le classi. La bellissima iniziativa di far “entrare” materialmente la Costituzione all’interno della scuola è stata promossa dalla Camera Penale di Cosenza “avv. F. Gullo” in persona del Presidente Roberto Le Pera. Quale preludio al momento celebrativo è stato egregiamente suonato, dalla studentessa Ilaria D’Acri e dallo studente Francesco Granata, l’Inno Nazionale di Mameli “Fratelli d’Italia”.

Una mattinata pregnante e ricca di emozioni, la quale, a detta dei ragazzi “conserveremo per sempre nel profondo del nostro cuore”.

legalità

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments