mercoledì, Luglio 24, 2024
spot_img
HomeCalabriaCosenza“Tra la gente e per la gente”: festa al Comando Carabinieri per...

“Tra la gente e per la gente”: festa al Comando Carabinieri per l’anniversario della fondazione dell’Arma

CarabinieriUna cerimonia sentita e partecipata questa mattina, 5 giugno, nella sede della Caserma Paolo Grippo  dove si sono svolte le celebrazioni in occasione del 210° anniversario di fondazione dell’Arma. Di fronte alle autorità civili, militari e religiose del territorio si sono schierati i vari reparti dei Carabinieri, uomini e donne in servizio nelle zone della provincia di Cosenza presenti nelle uniformi previste per ciascuna specialità.

Dopo la deposizione della corona ai caduti e la lettura del messaggio del presidente della Repubblica Sergio Mattarella e dell’ordine del giorno del comandante generale dei Carabinieri Teo Luzi, nei quali sono stati evidenziati l’impegno e la vocazione al servizio da parte degli uomini e delle donne dell’Arma, il comandante provinciale Agatino Spoto ha rivolto un ringraziamento a tutti i suoi uomini oltre a rivolgere un pensiero particolare ai familiari dei carabinieri che hanno perso la vita in servizio.

Il colonnello Spoto ha sottolineato “la funzione insostituibile di rassicurazione sociale” compiuta dai Carabinieri tra la gente e per la gente, prima di elencare brevemente alcuni dei risultati conseguiti.

Evidenziati i successi sul fronte della lotta alla criminalità – le operazioni Athena e Recovery su tutte – e il prezioso e quotidiano rapporto con le autorità giudiziarie distrettuali ed ordinarie, con le quali si è saldato un rapporto di univocità e condivisione finalizzato al raggiungimento di obiettivi programmatici di contrasto al crimine organizzato e comune.

Al di là dei significativi dati statistici riepilogati in chiave preventiva e repressiva, che affermano il pieno e costante impegno dei Carabinieri cosentini e la piena sinergia tra tutte le componenti territoriali e specialistiche, il Colonnello Spoto ha voluto sottolineare la rinnovata capacità dell’Arma dei Carabinieri di percepire ed analizzare le continue evoluzioni della delinquenza, adeguando il proprio modello ordinativo con flessibilità e duttilità, ponendo a caposaldo della struttura ordinativa la Stazione Carabinieri, sensore di prossimità e sensore incisivo nella comprensione dei mutevoli fenomeni sociali.

Il Comandante Provinciale ha inteso sottolineare, inoltre, il significativo contributo offerto dalle componenti provinciali e regionali dell’Arma Specialistica (NAS, NIL, NOE, Carabinieri Forestali, TPC) a tutela della salute, della tipicità e genuinità dei prodotti alimentari, del lavoro, della biodiversità e dell’intero patrimonio boschivo e naturale, richiamando le operazioni disposte dal Comandante di Legione ed effettuate, nel periodo, a tutela della biodiversità e degli ecosistemi terrestre e marino della Provincia.

“Nell’anno in corso, ha proseguito il Colonnello Spoto, l’Arma è stata impegnata nella sua globalità a rendere al cittadino una preziosa funzione sociale a vantaggio delle fasce più deboli della popolazione in piena sinergia e coinvolgimento con tutte le componenti della società, Famiglie, Scuola, Chiesa ed Enti Pubblici e Sociali.

L’azione dell’Arma è stata particolarmente attenta alle fasce della popolazione più fragili ed esposte alla criminalità, anziani e ragazzi, aiutando i primi, con il supporto delle Diocesi e delle Parrocchie del territorio, a riconoscere le molteplici truffe realizzate a loro danno ed organizzando, in sinergia con gli istituti scolastici di tutti i livelli d’istruzione, mirati incontri con gli studenti finalizzati ad approfondire le molteplici tematiche connesse con il rispetto della legalità, avvicinare i giovani alle Istituzioni e diffondere principi ed ideali di libertà, uguaglianza e giustizia”.

Oggi erano presenti le rappresentanze, festose e colorate, degli alunni delle Scuole Primarie “Stancati” di Rende e “Aquilone” di Cosenza, cui il Comandante Provinciale ha rivolto il suo saluto, affermando che ogni Carabiniere sarà sempre al loro fianco per garantire la giusta sicurezza nel godimento dei diritti ed ogni contributo alla formazione di cittadini sempre più consapevoli dei propri doveri.

Prima di passare alla consegna delle onorificenze ai militari che si sono particolarmente distinti in servizio, quale giusto riconoscimento per lo straordinario impegno, la dedizione ed il personale sacrificio evidenziati da alcuni militari in delicate e pericolose circostanze, il comandante provinciale ha ribadito la cifra dell’impegno e della costante abnegazione che i Carabinieri garantiscono alle Istituzioni, «servendo con equilibrio le popolazioni e le comunità locali, esprimendo solidarietà a chi ha più bisogno, agendo, nei confronti di chi sbaglia, con umana determinazione e fermezza rispettosa della dignità umana»

arma dei carabinieri

carabinieri

carabinieri

carabinieri

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments