lunedì, Luglio 22, 2024
spot_img
HomeCronacaIvan la chiave per capire il futuro - L'INTERVENTO

Ivan la chiave per capire il futuro – L’INTERVENTO

Di Mario Campanella *

ivanNella straordinaria tradizione letteraria russa, certamente i fratelli Karamazov, ultima opera di Fedor Dostoevskij, riveste un’importanza rilevante.

Un libro spettacolare che scorre lungo la saga di una famiglia e che proietta nella dimensione psicologica postuma la fotografia di una società in decomposizione, specchio quanto mai attuale.

Antonio Semerari, uno dei più noti psichiatri italiani, ne ha scritto magistralmente in un volume, “Il delirio di Ivan “, in cui analizza dettagliatamente la figura di Ivan, figlio di seconde nozze di Fedor, tormentato da una contorta visione delle cose oscillante tra religiosità e pragmatismo.

Il tema del parricidio, che anticipa profeticamente la teoria freudiana, è quanto mai ingombrante in una società dell’attualismo in cui diventa assai complessa la necessaria uccisione del padre come liberazione e catarsi politica e sociale.

Pasolini ne parlo ‘più volte denunciando una fossilita del potere impermeabile a qualsiasi cambiamento.

La saga di Dostoevskij è un riferimento preciso per analizzare la pesantezza in cui vive la comunità globalizzata, governata da un potere sempre più conservatore e da una impenetrabile concezione consumistica che ha visto prevalere nettamente, con tutte le sue contraddizioni, il capitalismo come verità assoluta.

Ritornare a Dostoevskij (e il libro di Semerari va letto nella sua analisi precisa e psicopatologica di Ivan) è un esercizio doveroso per tentare di orientare il pensiero su un presente che prospetta e indica soluzioni diverse al mondialismo esistente.

Per non rassegnarsi all’idea che l’umanesimo sia una strada non percorribile.

 

*Giornalista

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments